Huawei mate pro 30 - il mondo informatico
Telefonia

Questo è il piano di Huawei per evitare la dipendenza da Google

La società cinese impegnata nello sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti, di sistemi e di soluzioni di rete e telecomunicazioni, che si è posizionato come il secondo più grande venditore di telefoni cellulari nel 2019 nonostante il veto americano, afferma che non tornerà ai servizi di Google anche se il divieto verrà revocato, quindi ha preparato il terreno con nuovi partnership.

Huawei inizia il 2020 con molte domande sulla continuità della società cinese nel mercato della telefonia mobile senza Google.

I veti dell’esecutivo di Trump hanno lasciato Huawei senza un sistema operativo per i suoi telefoni cellulari e le applicazioni più utilizzate in Occidente nel 2019. Il motivo delle scommesse chiaramente lontano da Google e Android.

Qualcosa che era già stato visto con Mate 30 Pro senza applicazioni Google o PlayStore ha segnato l’inizio di una nuova era per Huawei, più che un dosso sulla strada.

L’azienda asiatica si è rivolta al software, iniziando a competere direttamente con il motore di ricerca americano in molte delle sue categorie di prodotti. Pablo Wang, direttore della business unit di Huawei, ha detto che si concentrerà sulla diversificazione dei propri prodotti al fine di evitare un’elevata dipendenza dai servizi di Google.

Vedremo quest’anno nuovi prodotti software, come un potente motore di ricerca, un’applicazione musicale e un impegno verso il cloud, tutti i prodotti Huawei arriveranno con spazio nel cloud“, ha affermato. “Non sarebbe sorprendente se iniziassi a vedere quest’anno alternative a Gmail, Google Maps o YouTube tra i prodotti Huawei“, ha aggiunto.

In effetti, il suo piano prevede la creazione di nuove alleanze con società terze come TomTom, che permetterà di non utilizzare più Google Maps.

La Huawei App Gallery è stata uno dei grandi problemi del Mate 30 Pro, anche se più di 100 applicazioni quotidiane vengono caricate nello store, questo è ancora molto lontano dall’offerta di Google Play Store.

Nonostante i problemi che Huawei ha attraversato nel 2019, Mate 30 Pro ha funzionato meglio del previsto e ora sarà disponibile anche in alcuni operatori telefonici. Grazie ad altri prodotti, come Huawei Watch GT 2, FreeBuds 3 e tablet, la vendita dei prodotti del marchio “non è diminuita” durante il periodo natalizio.