È necessario disattivare il pendrive prima di rimuoverlo dal computer
Curiosità

È necessario disattivare il pendrive prima di rimuoverlo dal computer?

Questa è una domanda ricorrente: è davvero necessario disattivare il pendrive, il dispositivo di memoria esterno con connettività USB, prima di rimuoverlo? Mito o realtà? È una raccomandazione che ha accompagnato fin dall’inizio questi dispositivi che sono serviti per condividere informazioni o trasportarle. Il consiglio è dovuto soprattutto alla possibile perdita di documentazione e dati che si verifica nel momento in cui viene rimosso dalla porta USB senza “avvisare” il computer che si verificherà questa disconnessione.

La mia esperienza personale consiglia di dirvi di evitare a tutti i costi di estrarre la memoria non in maniera corretta. Lo raccomando anche perché ciò che potrebbe succedere è che un programma con un file aperto che si trova nella pendrive non ha inviato modifiche, ad esempio, se viene espulso bruscamente può portare alla perdita dei dati perché le modifiche non sono state sincronizzate, questo non dipende dalla connessione ma da ciò che i programmi stanno facendo con il contenuto della memoria.

Nel 2016 gli esperti del MIT e della Carnegie Mellon University hanno indicato ai media specializzati «Popular Science» che non è più necessario completare il processo di espulsione delle chiavette USB fino a quando si prevedono pochi secondi dal momento in cui le copie vengono copiate file.

“Ho rimosso unità flash USB negli ultimi cinque anni e non ho avuto problemi”, ha dichiarato Frank Wang, un dottore in informatica presso il MIT. “Okay, è aneddotico, ma devi pensare che nella stragrande maggioranza dei casi non succederebbe niente di brutto.”

I produttori di questi dispositivi come SanDisk sottolineano dalle loro condizioni d’uso che è consigliabile seguire il protocollo ufficiale: «Che si tratti di un’unità USB, un’unità esterna o una scheda SD, consigliamo sempre di espellere il dispositivo in modo sicuro prima di rimuoverlo del suo computer “, ha dichiarato Brian Pridgeon, direttore del marketing di prodotto presso SanDisk, in una dichiarazione inviata a  “Popular Science “.

«Non espellere l’unità in modo sicuro può danneggiare i dati a causa di processi che si verificano all’interno del sistema e che l’utente non può vedere».

Il motivo dell’avviso è dovuto al fatto che i sistemi operativi utilizzano sistemi di scrittura chiamati “cache” per eseguire il processo più rapidamente, quindi se la memoria viene rimossa in quel momento – che l’utente non conosce – esiste il rischio di perdere informazioni preziose e quindi non essere in grado di recuperare il file, sia esso un video, audio o documento. Si consiglia inoltre di formattare lo “spiedino” prima di utilizzarlo per la prima volta.